Month: Giugno 2014

Home sweet home

L’inserimento in casa di un gatto, gattino o adulto che sia, è un momento molto delicato. Il modo migliore è quello di assegnargli per i primi giorni una stanza in cui avrà a disposizione tutto il necessario: acqua, cibo, lettiera, tiragraffi, ceste, coperte e qualche giochino. Lasciare al micio il tempo per esplorare spontaneamente e con gradualità l’ambiente in cui vivrà creerà i presupposti migliori per una sana convivenza.

Il gatto suddivide il proprio territorio in diverse zone; sarà quindi importante predisporre la casa in maniera tale che non le decida lui.

La zona toilette dev’esser in una area appartata e sempre accessibile al gatto, non disturbata dalla presenza di altri animali o dal viavai. La cassettina e la lettiera dovranno esser scelte in base al gatto: un micino o un gatto anziano potrebbero aver difficoltà con bordi troppo alti mentre alcuni non sopportano le cassettine chiuse. Evitate comunque di utilizzare lettiere profumate.

La zona ristoro potrà corrispondere o meno alla nostra cucina, la cosa importante è che sia distante almeno un paio di metri dalla zona toilette. Qui il micio troverà cibo e acqua; le ciotole potranno esser di ceramica, vetro o acciaio ma non di plastica. Lavatele con regolarità più volte al giorno e rinnovate spesso l’acqua. Molti gatti preferiscono l’acqua corrente: si potrà ovviare a questo inconveniente procurandosi una fontanella automatica che necessiterà però di una costante manutenzione.

È importante che la zona riposo sia in una stanza tranquilla della casa. Qui il nostro amico potrà trovare cucce, ceste, coperte, meglio se a differenti altezze, e soprattutto tiragraffi così che non si veda costretto a farsi le unghie sul mobilio: per lui è indispensabile marcare questa zona in particolare.

Non dimentichiamo poi che per il gatto è indispensabile avere un ambiente stimolante! Ben vengano quindi topini e palline attenzione invece a oggetti appuntiti o taglienti, gomitoli di lana, nastri ed elastici che potrebbero esser ingeriti. Il gioco per il gatto, come per noi, è un’attività fondamentale.

Se avete la possibilità di farlo uscire all’esterno non privatelo di quest’opportunità: la felicità e l’appagamento che ne deriveranno difficilmente potranno esser raggiunti tra quattro mura.